GRANDE PAROLA, GRANDE IMPATTO: SOSTENIBILITÀ

Avevo il documento di Word con il testo su cui stavo lavorando lasciato aperto sul mio laptop e al mio ritorno dalla cucina con la mia tazza di tè, mia figlia di 8 anni mi ha accolto con occhi grandi e una domanda ancora più grande:

"Mamma, cos'è soo-tan-si-bli-litee?".

"Cosa?", Ero perplesso, ma poi ho guardato lo schermo e ho sorriso.

"Aaaah, vuoi dire sostenibilità?", Ho detto. "Hmm ..., vieni, siediti, ti spiego".

E così è iniziata la mia breve (auto) conferenza sulla sostenibilità.

Prendi le cuffie di mia figlia, per esempio. Fare acquisti per loro è stato un gioco da ragazzi, dal momento che facciamo meno compromessi quando si tratta dei nostri figli. Ma l'ironia è che è proprio per loro che dovremmo fermarci a pensare prima di acquistare qualsiasi cosa al giorno d'oggi, perché i nostri acquisti oggi influenzeranno il loro benessere domani.

La “società dello scarto” è andata fuori controllo: è più facile - come purtroppo si fa per lo più - acquistare un nuovo tostapane, telefono, lavatrice, che far riparare quello vecchio.

E quando si parla di moda, la storia è terribile.

Cerco sempre di misurare, nella mia testa, l'emozione di acquistare un nuovo paio di scarpe ogni autunno e ogni inizio estate, contro l'emozione di riscoprire le scarpe ancora buone, usurate, comode e confortanti, ben fatte dall'anno scorso. E quasi ogni volta, quest'ultimo vince sul primo. È il comfort a lungo termine del collaudato sopra l'eccitazione di breve durata del romanzo .

Non sto dicendo che non dovrebbe esserci eccitazione nell'acquisto di cose nuove. In ogni caso, questa è una parte del processo e so di essere colpevole di aver comprato troppe cose per capriccio, o perché erano a buon mercato (spesso sia nel prezzo che qualità). E siamo onesti: lo shopping lo è divertimento!

Ma ogni volta che compriamo scarpe - o vestiti - che sappiamo essere usa e getta, stiamo contribuendo a una miriade di problemi: fabbriche che sfruttano, povertà, inquinamento ...

Quindi, almeno con la tua scelta di scarpe estive, questo dilemma dovrebbe essere facile da affrontare.

O, come dico a mia figlia, che ha appena preso i miei Butterfly Sunies verdi (che ora indosso anche a casa) per mostrarle, con un esempio reale, cosa significa davvero quella parolona:

riciclabile - possiamo fare cose nuove con Sunies usurati e ridurre l'inquinamento e i rifiuti;

vegano - per compassione alla vita e armonia con la natura;

impermeabile - pratico e versatile, utilitaristico (ma comunque carino), riducendo il bisogno costante di più;

ecologico - salvare il pianeta per te e per le generazioni a venire;

naturale - ridurre la plastica, il che significa ridurre i rischi per la salute, l'inquinamento della vita oceanica, praticamente la maggior parte delle cose che non vanno nel consumo veloce di oggi!

È stato così facile spiegare la sostenibilità a mio figlio di 8 anni.

Ora, che ne dici di voi, adulti? Stai ascoltando?

Ci vuole letteralmente solo un passo per iniziare il viaggio: un passo alla moda Sunies super sostenibili !

Con amore,

il team di Sunies!


lascia un commento